10 anni di sapere Rotating Header Image

Credo sia una parte della mia vita

Non sono molto bravo a scrivere. Penso che scrivere (bene) sia estremamente difficile, anche quando hai qualcosa da dire.
Per questo preferisco tradurre. Ed infatti ho iniziato così, traducendo. La prima voce a cui ho contribuito in maniera corposa è stata “Reticolo di diffrazione“, in sostanza mi sono letto le versioni in Wikipedia in lingua inglese e in francese di quella voce ed ho cercato di “metterle insieme” in maniera sensata.
È molto bello guardare quelle due voci, ti fa capire cos’è la “cultura” di un popolo: nella versione inglese si trova l’informazione che il primo reticolo è stato realizzato nel 1785 da un tale (David Rittenhouse) usando dei capelli tirati tra due viti, in tutta la voce si legge una sola formula (quella che uno studente medio chiamerebbe la “formula fondamentale del reticolo”); mentre nella versione francese la trattazione matematica è più strutturata (ed elegante) e non si fanno riferimenti a come si costruisce un reticolo. Nella versione italiana ho cercato di dare spazio ad entrambi gli approcci. Tutto questo rimane valido a grandi linee per tutte le voci, in particolare di fisica, che ho avuto modo di incrociare.

(CC-BY-SA, Jaqen)
Cristian, nei panni di intervistatore, per wiki@home


Ho colto l’occasione dei dieci anni per riguardare lo storico dei miei contributi su Wikipedia credo, però, che manchi qualcosa. Infatti mi ricordo benissimo di quello che ho fatto su Wikipedia quando mi sono registrato: uno dei miei primissi edit è stato mettere un “{{S|matematica}}” nella voce di un matematico, proporre al bar la creazione di un “account globale” (poi l’hanno fatto davvero, io non mi ricordavo di averlo proposito, ma (ri)scoprirlo mi ha fatto sentire davvero fichissimo ;-) ). Ho anche fatto un piccolo “rollback” (probabilmente non sapevo nemmeno si chiamassero così, all’epoca).
Tutto questo mi lascia supporre che mi fossi già informato parecchio, insomma già mi sapessi orientare, ma quello che non ricordo proprio è come ho conosciuto Wikipedia, come ho scoperto che si poteva modificare, come ho fatto a finire a leggere come si usa un template, addirittura prima di diventare “ufficialmente” un Wikipediano.

In ultima analisi è stato merito dell’università: è stato lì che ho scoperto il mondo di Linux e del FLOSS e quindi probabilmente il significato dell’aggettivo “libera” ne “l’enciclopedia libera” me l’ero già chiarito nel mondo informatico.
Sta di fatto che tutto questo periodo di “formazione” mi è completamente oscuro.
Ricordo bene, invece, quando ho deciso di iscrivermi a Wikimedia Italia, la mia iscrizione porta la data dell’8 luglio 2008. Una delle cose che mi fanno più sorridere è ricordare che poco dopo, in particolare in occasione del Linux Day 2008, sono andato a tenere due presentazioni su Wikipedia a Cinisello Balsamo ed a Milano. Ricordo di aver pensato: “Si fidano bene a mandarmi, sono iscritto da solo due mesi”, anche in realtà ero accompagnato da un paio di soci “anziani” che hanno controllato che non mi mettessi a tessere le lodi della SIAE e, a quanto pare, continuano a fidarsi dato che adesso faccio parte del direttivo. Poco dopo è stata occasione del mio primo raduno tra Wikipediani, a Milano, e ricordo il mio stupore personale nel dare un volto ad alcuni “nomi noti” letti su Wikipedia: nessuno batterà mai Nemo, che dovrebbe essere un uomo di quarant’anni e invece è un pischello [ha solo qualche mese in meno del sottoscritto, in realtà, NdR].

Arrivato a questo punto del flusso dei miei ricordi mi accorgo di aver parlato pochissimo di Wikipedia, forse perché semplicemente volevo ricordare quanto l’ho vissuta in questi 4 anni e mezzo, al punto che credo sia una parte della mia vita, se non Wikipedia stessa lo sono sicuramente tante persone che ho conosciuto attraverso di essa; forse perché ci credo così tanto che ho deciso di impegnarmi in prima persona per diffonderla (e le varie “Wikimedia Italia”, “Wikimedia France”, “Wikimedia España”, ecc. in giro per il mondo servono a questo) al punto che i miei amici per prendermi in giro si mettono a parlare di licenze libere anche nelle occasioni più disparate (però sembra che abbiano imparato bene la lezioncina).

Cosa spero per Wikipedia? Spero che resterà, spero che cambierà ancora più di quanto abbia fatto in questi dieci anni il nostro modo di cercare informazioni e anche di condividerle, spero continuerà a farci riflettere su quanto è importante la conoscenza e che permetterà a sempre più persone di studiare (per quanto mi riguarda ‘pedia mi ha aiutato a preparare qualche esame); spero che ci farà riflettere sulla nostra cultura e su noi stessi e, infine, spero che continui a migliorarci la vita, tutti i giorni.

Grazie Wikipedia e tanti auguri!

Cristian

2 Comments

  1. [[ ]] ha detto:

    Avevo letto “reticolo di diffamazione”.

  2. Nemo ha detto:

    Chi mi legge mi ha sempre sempre il doppio dei miei anni fin da quando mi sono affacciato sulla rete a 12 anni circa…

Rispondi a Nemo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.